ONOarte shop - Collane ONO
    Collane ONO

Collane ONO

la nostra collana editoriale

ONOarte shop - Collane ONO

Filtri attivi

The Rolling Stone by Putland

29,50 €

Autori: Vittoria Mainoldi

Editore: Lullabit

MICHAEL PUTLAND ha incontrato i ROLLING STONES per la prima volta nel
1963, quando erano tutti giovanissimi.
Da allora si è creata una collaborazione che è andata avanti per oltre trent’anni. Questo libro racconta la storia di quei trent’anni, la storia degli Stones.

Nirvana Punk to the people

14,00 €

Autori: Vittoria Mainoldi, Maurizio Guidoni

Hanno collaborato: Mauro Brighenti, Tommaso Chianura, Eugenia Durante, Massimo Mosca, Lorenza Palladini, Elena Polisessuale, Sara Portarena, Matteo Sgarbi e Claudia Stritof. 

Editore: Auditorium Edizioni

E, Bologna!!! Passavo molto tempo lì quando ero in quella band, gli Scream. C'era un grande squat lì chiamato "L'isola", e un ottimo studio di tatuaggi chiamato Art Tatoo Studio di Marco Pisa. Ci ho più o meno lavorato per un'estate, rollando canne e dipingendo pareti. Bologna è il meglio. Cibo incredibile, persone fantastiche...non avresti potuto scegliere un posto migliore per uno spettacolo!

Così scrive Dave Grohl al fotografo Charles Peterson. 

Michael Putland. The music...

45,00 €

Autore: Vittoria Mainoldi e Maurizio Guidoni

Editore: Lullabit

“The Music I Saw” è la prima monografia fotografica ufficiale di Michael Putland, un unico grande volume in cui viene pubblicata, per la prima volta, un’accurata selezione dal grande archivio del celebre fotografo inglese, composto da oltre 400mila scatti, raccogliendo quelli più famosi e svelandone moltissimi inediti.

Il volume non è però soltanto una raccolta fotografica, ma un vero e proprio racconto in prima persona dei più grandi miti della musica mondiale dagli anni Sessanta ad oggi. Putland, intervallando le immagini a testi (da lui stesso scritti, in italiano e in inglese) ce li presenta in una dimensione nuova, svelandone aspetti inediti e curiosi della loro personalità.

David Bowie by Sukita

29,50 €

Autori: Vittoria Mainoldi e Maurizio Guidoni

Editore: Lullabit

“DAVID BOWIE BY SUKITA” racconta per la prima volta lo straordinario rapporto professionale ed umano tra una delle più importanti icone del XX secolo e il maestro della fotografia giapponese che lo ha immortalato per oltre 40 anni.
Pubblicato in Italia in anteprima mondiale e narrato in prima persona, con aneddoti ed episodi esclusivi, testi ed immagini anche inedite, il libro ripercorre cronologicamente il legame tra Bowie e Sukita sullo sfondo della scena musicale e culturale internazionale dall’inizio degli anni ’70.

David Bowie Berlino a new...

14,00 €

Autori: Vittoria Mainoldi e Maurizio Guidoni

Editore: Auditorium Edizioni

Quando decide di lasciare Los Angeles per tornare in Europa, David Bowie è un musicista di fama mondiale con alle spalle album che hanno segnato la cultura pop come "Hunky Dory", "Zleey Stardust" e "Aladdin Sane". Ma fisicamente e psicologicamente il musicista è sull'orlo del collasso. 

Mentre il punk demoliva il rock per come lo si conosceva fino alla metà degli anni '70, a Bowie toccò il compito di ricostruire sulle macerie in tempo reale e lo fece realizzando la cosiddetta "Trilogia di Berlino", gli album "Low", "Heroes" e "Lodger" che rappresentano il testamento di quella straordinaria stagione artistica e hanno suggerito la strada a gran parte del rock negli anni a venire. 

Bowie by Duffy

32,50 €

Autori: Vittoria Mainoldi e Maurizio Guidoni

Editore: Lullabit

Bowie by Duffy, il primo volume della casa editrice Lullabit che ripercorre il decennio forse più importante della carriera di David Bowie: Ziggy Sturdust, Aladdin Sane, il Duca Bianco, il film "L'uomo che cadde sulla terra, Lodger e Scary Monsters", nei ritratti di scena e dei backstage del suo fotografo ufficiale Brian Duffy.

Blow Up, Antonioni e la...

14,00 €

Autori: Vittoria Mainoldi e Maurizio Guidoni

Editore: Auditorium Edizioni

Michelangelo Antonioni arriva a Londra nel 1965 su richiesta del produttore cinematografico Carlo Ponti il quale, dopo aver visto alcune riviste che parlavano della capitale Britannica come nuovo centro culturale mondiale, voleva farne un film. Sotto la spinta della rivoluzione socio-culturale prodotta dai Beatles, tutta la nazione stava vivendo un momento di grande sviluppo culminato tra il '65 e il '66. In particolare la cosiddetta Swinging London avrebbe fatto confluire in città giovani artisti, intellettuali e creativi da tutto il mondo.